Perchè viene l'ansia

L’ansia non è la semplice paura. La paura è giustificata, utile e razionale, l’ansia, invece, è sofferenza psichica che non porta a nulla di buono.

L’ansia può scaturire da diverse cause. Ma qualsiasi sia l’origine di questa risposta emotiva è data da forme di pensiero negative e disfunzionali che generano malessere. In genere si tratta di pensieri che minacciano la propria idea di benessere,  convinzioni che bisogna assolutamente ottenere ciò che si ritiene indispensabile, o che vada assolutamente evitato ciò che si considera una “catastrofe”.

Ovviamente sarebbe meglio evitare cose brutte, ottenere cose belle, ecc. ma il senso di assoluto che governa i pensieri è dannoso e produce ansia. Altre forme di ansia sono collegate al valore personale. Hanno a che fare con l’autostima, ma anche con il bisogno di approvazione da parte degli altri. Dover sostenere un esame, per esempio, può provocare ansia negativa. Ma può instaurarsi sull’idea di “rovina della propria vita” qualora l’esame andasse male, o sull’idea di disapprovazione da parte propria e dell’ansia. Poco cambia al livello emotivo: è sempre ansia negativa. Molto cambia a livello psicologico.

Talvolta queste due forme coesistono e si rinforzano l’una con l’altra. 

Per saperne di più...

5 Consigli pratici contro l’ansia

  1. Riconoscere e distinguere subito se è paura funzionale o ansia
  2. Cercare di distogliere il pensiero dalla fonte ansiogena
  3. Respirare lentamente
  4. Tenere a mente che ciò che si teme non è ancora accaduto
  5. Tenere a mente che ciò che si teme forse non accadrà

Quando rivolgersi ad un esperto

  • …quando evito un posto pubblico, soprattutto se non accompagnato
  • …quando “lascio” che la macchina la guidino gli altri
  • …quando voglio sempre guidare io, per evitare di sedermi sui sedili posteriori
  • …quando andare a letto diventa faticoso perché tempo di non dormire
  • …quando mi sento costretto a controllare più volte di non aver commesso errori al lavoro
  • …quando tardo ad uscire di casa finché tutto non è in perfetto ordine
  • …quando devo tornare più volte a controllare la chiusura della porta di casa o l’automobile
  • …quando, terrorizzato dalla sporcizia, evito in modo assoluto i bagni pubblici, se non adottando infinite precauzioni
  • …quando sono tormentato dai dubbi, e certi pensieri proprio non se ne vogliono andare
  • …quando temo continuamente che ai miei cari possa succedere qualcosa di pericoloso
  • …quando evito il più possibile di uscire di casa da solo
  • …quando ogni segno fisico mi spinge a chiedere rassicurazioni continue al mio medico
  • …quando mi sento addosso le malattie degli altri (“sicuramente verrà anche a me!”)
  • …quando in un locale nuovo cerco attentamente la posizione della Toilette
  • …ma soprattutto quando il mio partner mi dice “Basta! Con le tue paranoie mi stai facendo impazzire!”
Per saperne di più...